casa

ricevute e bollette per quanto tempo conservare

ricevute e bollette per quanto tempo conservare

ricevute e bollette per quanto tempo conservare i documenti, quali tenere e come conservare

sono una conservatrice seriale di ricevute di bollette e fatture, ho sempre avuto l’ansia di ricevere un giorno una notifica di pagamento e non avere la rivevuta conservata

poi un giorno ho deciso di fare largo nei cassetti come ho già fatto con vestiti, libri e oggetti personali da quando ho scoperto il decluttering e mi sono posta la domanda, ricevute e bollette per quanto tempo conservare i documenti?

ho fatto un po di ricerche ed ho soperto che c’è un tempo limite per conservare ricevute e fatture per ogni tipo di documento diverso

ricevute e bollette per quanto tempo conservare?

c’è una legge apposita che fissa i termini di prescrizione entro il quale non si possono più richiedere pagamenti di presunte bollette o fatture non pagate ed ecco quali sono

  • le ricevute delle bolette di luce, gas, telefono e acqua si devono conservare per 5 anni a partire dalla data di scadenza
  • le ricevute del bollo auto si conservano per 3 anni calcolando la data dell’anno successiva a quella dell’avvenuto pagamento
  • per le multe stradali bisogna conservare le ricevute per 5 anni
  • le ricevute dei bollettini di Ici, Imu e Tasi si devono conservare per 5 anni a partire dall’anno successivo a quello indicato come anno di pagamento
  • ricevute di affitto e mutuo per la casa si conservano per 3 anni dalla scadenza di ogni rata
  • documenti e relative ricevute di pagamento per le spese condominiali si conservano per 5 anni
  • ricevute di pagamento dei bollettini della tassa per la nettezza urbana di tarsu, tia e tari si conservano per 5 anni calcolando dall’anno successivo a quello del pagamento effetuato
  • per affitto e mutui le ricevute si conservano per 5 anni calcolando dalla scadenza di ogni rata
  • cambiali e parcelle di rilasciate da da professionisti devono essere conservate per 3 anni
  • le ricevute della dichiarazione dei redditi si conservano per 5 anni a partire dall’anno dopo a quello di pagamento mentre in caso di ristrutturazioni edilizie o di riqualificazione energetica (pannelli solari per esempio) la documentazione deve essere conservata per 15 anni
  • Ricevute delle spese detraibili come per le spese scolastiche e mediche conservare per 5 anni a partire dall’anno successivo della data di dichiarazione
  • le ricevute del canone rai si conservno per 10 anni anche se da qualche anno non serve più perchè paghiamo il canone in automatico nella bolletta dell’energia elettrica
  • gli scontrini di garanzia per articoli acquistati si conservano per tutto il periodo di validità della stessa altrimenti non si ha più diritto, ti consiglio di fotocopiare o scannerizare gli scontrini di garanzia perchè molto spesso mi sono accorta che dopo poco tempo perdono il colore e diventano illegibili anche se conservati per bene in luoghi asciutti!
  • gli estratti del conto corrente delle banche si conservano per 10 anni
leggi anche  Stella di Natale per decorare casa e albero [poinsettia]

non vuoi buttare via le ricevute dei pagamenti?

abbiamo constatato che la maggiorparte delle ricevute vanno conservate in genere dai 5 ai 10 anni con alcune eccezioni di 3 e 15 anni

non te la senti proprio di buttare via le ricevute dei pagamenti dopo tali date oppure ti servono come rendiconto personale?

ci sono alcuni accorgimenti che puoi adottare per smaltire un pò di documenti

  • non è necessario conservare l’intera documentazione che ci viene recapitata insieme alle bollette, alcuni fogli sono solo informativi
  • conserva solo le ricevute, in caso ti serve anche la documentazione dei consumi puoi tenere solo quella pagina e buttare via il resto
  • puoi digitalizare le ricevute e la documentazione che ti serve sul compiuter e conservare tutto in un file suddiviso per anni o per tipologia
  • per conservare le ricevute puoi usare un raccoglitore ad anelli ed inserirle nelle buste trasparenti per anno e tipologia
  • se utilizzi le bollette elettroniche è ancora più semplice, puoi scaricare direttamente nel compiuter le ricevute

per finire alcuni consigli pratici sulle ricevute e bollette

ho impiegato una giornata intera a controllare e scartare bollette e ricevute vecchie, ho riempito una scatola di documenti vari da buttare e mentre stavo per svuotare tutto nel contenitore della carta mi sono bloccata!

non si possono buttare nella spazzatura documenti con i nostri dati sensibili, sulle bollette del telefono, per esempio, ci sono tutti i nostri dati compreso il famoso codice di migrazione con cui cambiare operatore telefonico!

come distruggere documenti sensibili in casa?

per questo motivo ho selezionato le parti dei documenti dove compaiono i dati sensibili, con un pennarello nero indelebile ho cancellato i dati personali e poi ho tagliato a piccoli pezzi le carte, in inverno avrei sicuramente bruciato i documenti con i dati personali nel caminetto

leggi anche  come congelare gli alimenti correttamente

ti starai chiedendo quanto tempo ho impiegato? mi hanno aiutato e non ci ho impiegato proprio tanto, l’alternativa è comprare un tagliacarte, che è entrato nella lista dei desideri, per il momento, mi sono adattata!

ps: i miei cassetti hanno ringraziato! 🙂 🙂 🙂

altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *