Home » Come coltivare l’origano in casa

Come coltivare l’origano in casa

coltivare l'origano in casa

In questa guida: come coltivare l’origano in casa, consigli per l’autoproduzione in vaso e in giardino con lo stesso profumo intenso di quello selvatico.

Amo le piante aromatiche e le utilizzo molto in cucina, specilamente il rosmarino, la menta e l’origano selvatico, quest’ultimo è particolarmente inebriante e intenso molto di più dell‘origano coltivato.

Ecco perchè io abitando in una zona vicino al mare e alle campagne, preferivo raccogliere l’origano spontaneo ma negli ultimi anni c’è una brutta usanza di alcune persone che lo raccolgono non per uso personale ma per venderlo e fanno razzia delle piante quando ancora non sono nemmeno fiorite è non è il momento giusto per raccogliere.

Questo perchè come dicevo prima l’origano spontaneo è molto più aromatico di quello coltivato ma solo perchè chi lo coltiva in grandi quantità lo annaffia molto spesso per avere un grande raccolto.

Quindi non mi restavano che 2 soluzioni, arrampicarmi in cima a colline rocciose e selvaggie sulle marine incontaminate brulicanti di fitta macchia mediterranea dove è molto difficile che ci arrivino molte persone e rischiare di trovarsi tra i piedi serpenti di ogni genere oppure cercare di coltivarlo in modo naturale.

Come coltivare l’origano in casa in vaso e giardino

coltivare origano facilmente

Non è la prima volta che cerco di coltivare l’origano in casa ma una volta l’ho seminato troppo vicino ad una fonte di acqua ed è cresciuto praticamente verticale tanto che era sempre nell’acqua, l’anno successivo l’ho estirpato per non sentirmi più ripetere che quello spontaneo è il migliore.

Un’altra volta l’ho seminato in un pezzo di terra che non coltiviamo per vedere se cresceva spontaneo ma mio marito l’ha scambiato per erbaccia e l’ha estirpato e ancora una volta sentivo ripetere che quello selvatico è migliore.

L’anno scorso infine mi sono armata di mattoni ed ho creato una piccola aiuola in giardino in un lato dove batte sempre il sole ed ho seminato l’origano a luglio.

Come seminare l’origano

Per seminare l’origano servono i semi che poi è l’origano stesso, quindi ho utilizzato l’origano appena essiccato e ne ho seminato un pò nell’aiuola creata e aspettato qualche mese.

Non sono riuscita a trovare la foto delle prime piantine appena spunate, erano solo 3 piccolissime ma a marzo dell’anno dopo erano diventate tantissime.

Bisogna annaffiare le piantine solo quando serve veramente ma in modo spodarico e poco, una volta che le piante sono adulte di circa 40/50 cm  non innaffiarle più a meno che non piove e si innaffiano in modo naturale.

coltivare origano a casa

L’origano nel mese di aprile è diventato così, ha continuato a crescere e si sono sviluppate tantissime piantine intorno alle piante grandi.

come coltivare l'origano in giardino

Questa foto è di fine giugno e i capolini dell’origano stavano iniziando a fiorire ma ancora non è il momento giusto per raccoglierlo.

quando raccogliere l'origano in vaso

Ed ecco l’origano in fiore in tutta la sua meraviglia pronto per essere raccolto, basta toccare le foglie o strofinarle leggermente per sentire il meraviglioso profumo intenso e inebriante.

Come tagliare l’origano fresco

come raccogliere l'origano

L’origano si può spezzare con le mani semplicemente piegando il ramo a 10 cm circa dal terreno ma per evitare di estirpare le piante senza volerlo, è meglio usare una cesoia.

Si radunano tutti i rami uno sull’altro facendo in modo che i capolini fioriti siano tutti verso l’alto e poi si legano con una corda ben stretta altrimenti quando i rami sono secchi c’è il rischio che scivolano fuori dal mazzo.

come coltivare l'origano in vaso

Con la stessa corda si fa un’asola e si appende il mazzo sotto ad un  porticato al fresco se il tempo lo permette, se c’è la tramontana l’origano essicca in pochi giorni mantenendo il colore brillante verde.

Se invece capita che ci sono giornate di scirocco calde e umide, è meglio mettere ad essiccare l’origano in casa, in cantina o comunque in un posto al fresco, ventilato e non umido altrimenti l’essiccazione sarà più lunga e l’origano diventerà di colore marroncino perdendo un pochettino di aroma.

Dove si usa l’origano

L’origano con il suo aroma inebriante si può usare sul pane e pomodoro o frisa con il pomodoro, sulla mozzarella con olio e pomodoro, sulla pizza, nelle insalate di patate, nelle patate al forno e nel pollo arrosto, nel pesce alla pizzaiola e nell’insalata di pasta.

E poi finalmente il mio origano è uguale a quello selvatico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »