giardino

Come coltivare la mimosa in giardino e in vaso

come coltivare la mimosa in giardino

In questa guida: come coltivare la mimosa in giardino, in vaso, cure e concimazioni, esposizioni, come potare e riprodurre.

Come coltivare la mimosa simbolo dell’8 Marzo

La mimosa è conosciuta quasi esclusivamente come il fiore simbolo della festa della donna, l’8 marzo viene donata come tradizione alle donne.

La pianta della mimosa appartiene al genere dell’Acacia, una specie che ha molte varietà diverse con epoche di fioritura e dimensioni dei fiori e delle foglie diversi.

La specie della mimosa che conosciamo si riferisce all’Acacia dealbata, è la specie che di più si è adattata al nostro clima e quella che in teoria dovrebbe fiorire in corrispondenza della festa della donna.

La mimosa (Acacia dealbata) appartiene alla famiglia delle Fabaceae che poi sarebbe la stessa delle Leguminose.

Le origini della Mimosa sono molto lontane e precisamente dal continente Australiano.

Nell’1800 la Mimosa fu inrodotta In Europa trovando terreno fertile nelle zone calde e temperate, In Italia è molto diffusa nelle regioni su tutta la fascia costiera e in alcune zone interne.

Caratteristiche della Mimosa

 coltivare la mimosa in vaso

La Mimosa è un albero sempreverde, con una crescita molto veloce tanto che nelle zone a clima particolarmente temperato diventa addirittura infestante, tanto che le radici possono fare danni seri, la pianta cresce su un tronco principale ma anche i fusti laterali possono diventare enormi, può raggiungere un’altezza di 30 metri e oltre.

Le foglie della Mimosa sono bipennate lunghe circa 10/15 cm, ogni foglia è composta da 10/20 paia di pinnule disposte perpendicolarmente rispetto al rametto da cui partono.

I fiori della Mimosa sono di forma sferica di circa 1 cm, sono morbidi e hanno un profumo molto intenso, i fiori sono di colore giallo intenso.

La fioritura della Mimosa è molto intensa, in Italia fiorisce tra Gennaio e Marzo ma è molto difficile trovare dei fiori in perfetto stato per l’8 Marzo.

I frutti della Mimosa sono dei baccelli piatti di colore bruno che contengo una decina circa di semi all’interno.

Coltivazione, esposizione, clima e terreno

La pianta della Mimosa predilige terreni acidi e ben drenati ma si sa adattare molto bene a qualunque tipo di terreno se il clima è favorevole.

In giardino o comunque all’aperto resiste perfettamente alla siccità e alle scarse irrigazioni, mentre in vaso ha bisogno di innafiature regolari, non ha bisogno nemmeno di concimazioni.

La Mimosa predilige un esposizione soloeggiata e al riparo dai venti ed è sensibile alle gelate intense e ad inverni troppo rigidi.

La potatura della Mimosa deve essere fatta ogni anno per contenere la crescita e aggiustare la chioma disordinata, la potatura non compromette la fioritura.

La Mimosa si può riprodurre in diversi modi, per innesto, per semina, per talea e per margotta, la semina deve essere effettuata in primavera e per farli germogliare devono essere immersi nell’acqua bollente per circa 30/40 secondi

Consigli utili sulla Mimosa

  • Se avete un giardino piccolo è meglio coltivare la Mimosa in vaso o grandi contenitori
  • Potate le piante in vaso ogni anno altrimenti non potrete più cambiare la forma
  • Non piantate la Mimosa a ridosso di muri, pavimentazioni o case, le radici sono molto infestanti.

altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *