Castello Aragonese di Otranto

castello Aragonese a Otranto

Il Castello Aragonese di Otranto è un vero e proprio gioiello di architettura militare, fonte d’ispirazione per lo scrittore inglese Horace Walpole per il romanzo gotico The castle of Otranto, oggi ospita mostre ed eventi di carattere nazionale e internazionale.

Ad Otranto, il castello Aragonese è la prima cosa che si vede accedendo ad Otranto dal porto, imponente e maestoso, si riflette insieme alle superbe mura nelle acque del mare limpido e cristallino.

otranto-entrata dal porto nella città vecchia

E proprio dal porto si ha l’accesso diretto al fossato in cui si può fare una bella passeggiata intorno al castello fino ad arrivare all’ingresso principale della città vecchia.

Castello Aragonese di Otranto: storia

castello di otranto storia

Il castello di Otranto come è oggi è stato edificato tra il 1485 e il 1498 sui resti di un’antica costruzione fortificata risalente all’1067 per volere di Ferdinando I d’Aragona

Importante ponte di congiunzione con l’Oriente, la città di Otranto è stata da sempre fortificata con sistemi di difesa, modificati nel corso della storia.

Nel 1067 Otranto subì un assedio che danneggiò in modo grave la fortificazione e fu rinforzato qualche anno dopo da Roberto il Guiscardo.

Nel 1228 Federico II di Svevia modificò la torre del corpo mediano cilindrico, inglobata nel bastione a punta di lancia e nella cinta muraria di nord-est.

mura castello di otranto

Nel 1480, Otranto fu devastata completamente dai turchi, la città rasa al suolo, il Castello fu ricostruito da Alfonso d’Aragona duca di Calabria.

L’aspetto attuale del Castello Aragonese di Otranto si deve ai Vicerè spagnoli che lo trasformarono in un capolavoro di architettura militare, nel 1578 furono aggiunti i due bastioni poligonali rivolti verso il mare.

fossato castello di otranto

Il castello come è oggi è a pianta pentagonale, circondato da un enorme fossato, 3 torri circolari, Alfonsina (in onore di Alfonso d’Aragona, duca di Calabria), Ippolita e Duchessa (in memoria della moglie di Alfonso D’Aragona) e una a punta, il bastione Punta di Diamante proteso verso il mare, sul quinto lato c’era il ponte levatoio.

Dall’ingresso principale sono visibili le temibili bocche di fuoco per i cannoni e il blasone di Carlo V d’Asburgo.

castello di otranto cortile

All’interno del castello si possono visitare i sotterranei e diverse mostre, molto interessanti sono le mostre I luoghi della preistoria” “Porto Badisco e la grotta dei cervi” poi ci sono delle stanze dedicate all’Abazia di San Nicola di Casole, allo scrittore Horace Walpole e una stanza dedicata all’immaginario lettarario otrantino.

interno del castello di otranto- museo

In tutte le altre stanze del castello Aragonese di Otranto, si possono ammirare reperti storici rinvenuti nel corso degli anni.

vista panoramica porto di otranto

Nell’ultimo piano del castello si può acedere a delle terrazze panoramiche da cui si può ammirare il porto e il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *